LA PROPOSTA

I luoghi infiniti sono luoghi pionieri che esplorano e sperimentano dei processi collettivi per abitare il mondo e costruire delle comunanze.

Luoghi aperti, possibili, non-finiti, che instaurano degli spazi di libertà in cui si cercano delle alternative. Luoghi difficili da definire perché il loro carattere principale è l’apertura sull’imprevisto per costruire senza fine il possibile che verrà. Confrontati con le sfide immense della nostra epoca in cui le transizioni ecologiche faticano di fronte alla dominazione dell’economia mercantile, al ripiegarsi identitario e all’autoritarismo, è urgente sperare. E ispirarsi a esperienze a volte effimere ma concrete e solidali. Presentiamo nel Padiglione francese una scelta soggettiva di dieci luoghi generati da incontri. Non sono dei modelli ma dei segnali deboli che aprono delle prospettive proteiformi e sovversive. Esistono grazie alla loro volontà di sperimentare, quasi sempre a partire da un edificio fuori uso, da un sito abbandonato. L’architettura vi si esprime nell’incontro tra qualità spaziali preesistenti e un processo organico di trasformazione che ha senso solamente se risponde ai bisogni di tutti e ai desideri di coloro che s’impegnano con coraggio e determinazione. In questo accompagnamento spaziale e temporale, l’architetto generalista si rivela una guida necessaria, ai limiti della missione che gli è tradizionalmente attribuita: non si limita a costruire degli edifici ma cerca in ugual misura di fare dei luoghi.

Degli infiniti possibili, qui ed ora.

Nicola Delon, Julien Choppin, Sébastien Eymard


Encore Heureux

Architetti generalisti con sede a Parigi dal 2001.

CATALOGO

Direzione editoriale: Encore Heureux
Libro bilingue: francese / inglese, 300 pagine circa

Editore: éditions B42
Graphic design: deValence
Prezzo: 28€

Comprare online